Ente Turismo Alba Bra Langhe Roero

Consorzio Tutela Barolo Barbaresco

Consorzio Turistico Langhe Monferrato Roero

Wine In Moderation
"Il miracolo del vino consiste nel rendere l'uomo ciò che non dovrebbe mai cessare di essere: amico dell'uomo"
Erich Engel,
1891 » 1966

24.10.2009 - Teatro Naturale [TN]


Vino e salute, ricercatori da tutto il mondo su therapeutic potential of wine extracts



di C.S. - Fonte: Gowinet

In anteprima al "Wine Show" di Torino la presentazione del work-shop internazionale a cura dell’Osservatorio nazionale sul consumo consapevole del vino in programma al Castello di Grinzane in febbraio.

Che il bere un buon bicchiere di vino sia un piacere, tutti sono d'accordo. Per contro, pochi sanno che bere vino con moderazione non solo non fa male, ma addirittura allunga la vita e riduce il rischio di sviluppare varie malattie. Quindi bere vino in modo corretto e consapevole rappresenta un vantaggio salutistico rispetto all'essere astemi.

Lunedì 26 ottobre alle ore 11 presso la Sala Blu del Padiglione 2 il Presidente dell’Osservatorio Sen. Tomaso Zanoletti interverrà nel talk-show intitolato “Bevo o guido” promosso da Lingotto Fiere e moderato da Davide Paolini.

Sempre nei giorni del Wine-Show l’Osservatorio Vino e Salute annuncerà in anteprima date e temi del work-shop internazionale che porterà dal 5 al 7 febbraio 2010 al Castello di Grinzane Cavour ricercatori da tutto il mondo per trattare temi importanti legati alla ricerca su proprietà benefiche contenute nel vino a favore della salute.

L’Osservatorio Vino e Salute è nato nel 2007, ha caratterizzato la sua attività con convegni e presentazioni. Nel 2008 ha pubblicato il volume “La Verità sul Vino – Come, quando, perché il vino fa bene”. Ha la sede e la presidenza presso l’Enoteca Regionale Piemontese Cavour al Castello di Grinzane, l’associazione nazionale Go Wine ne cura la segreteria generale.

Quello che sarà presentato a Grinzane dal 5 al 7 febbraio 2010 è uno dei grandi eventi che apriranno la stagione 2010 del vino in Italia e si concentra su un tema di forte attualità.

L’iniziativa è promossa da Vino e Salute, l’Osservatorio Nazionale sul Consumo Consapevole del Vino, che proprio nel prestigioso Castello (dove Cavour fu sindaco...) nel cuore delle Langhe ha la Sua sede.

Coordinati dal prof. Attilio Giacosa, responsabile del Comitato Scientifico dell’Osservatorio, si raduneranno per tre giorni in Piemonte ricercatori di alto profilo internazionale, provenienti da diversi Paesi Europei e dal continente americano.

Concentreranno la loro discussione su uno specifico tema: ovvero l’insieme delle ricerche sui composti bioattivi presenti nel vino, focalizzando l’attenzione sui risvolti positivi per la salute di tali composti.

L’obbiettivo è di raggiungere risultati scientifici condivisi che facciano compiere passi avanti nel campo della ricerca a favore dei benefici effetti per la salute di un consumo moderato del vino.

A fianco del parterre degli speakers internazionali, saranno invitati al Castello di Grinzane personaggi di alto profilo accademico e esponenti di rilievo del mondo del vino italiano che dialogheranno con i ricercatori commentando i risultati in una conferenza che sarà aperta alla stampa ed al pubblico.

“Ci proponiamo di svolgere un’iniziativa di alto profilo – dichiara il Sen. Tomaso Zanoletti, presidente di Vino e Salute – nell’intento di rafforzare il ruolo e l’attività dell’Osservatorio a favore degli scopi che questa istituzione si è posta. Ora più che mai è importante favorire il lavoro dei ricercatori e svolgere azioni positive che tendano a promuovere una comunicazione corretta e scientifica sui benefici effetti per la salute di un consumo moderato di vino”.

L’Osservatorio Vino e Salute è nato nel 2007, ha caratterizzato la sua attività con convegni e presentazioni. Nel 2008 ha pubblicato il volume “La Verità sul Vino – Come, quando, perché il vino fa bene”. Ha la sede e la presidenza presso l’Enoteca Regionale Piemontese Cavour al Castello di Grinzane, l’associazione nazionale Go Wine ne cura la segreteria generale.

Leggi l'articolo originale